Free Ola Bini!
Perché Ecuador?

Perché Ecuador?

Due settimane. La prigione qui in Ecuador è un mix esasperante di lunghe sezioni di isolamento e noia intervallate da sporadiche minacce ed atti di violenza.

Oggi è stata un'interruzione in quella struttura: il giorno delle visite.

Puoi ricevere un massimo di 2 visitatori per 3 ore. Due dei miei migliori amici qui in Ecuador mi hanno visitato. È sempre bello vedere gli amici; l'isolamento qui è probabilmente l'aspetto più difficile. Ma dopo le visite, mi sento sempre vuoto, pensoso e di cattivo umore. I miei amici mi hanno posto la domanda sulla quale voglio scrivere oggi. Semplicemente, perché sono in Ecuador? E con le mie esperienze recenti, la mia prospettiva è cambiata?

Sono sicuro che molte persone pensano che io sia arrabbiato con l'Ecuador, che vorrò andarmene appena esco per non tornare mai più; ma no, nulla potrebbe essere più lontano della verità. Amo l'Ecuador. Amo vivere qui. Ho la mia vita qui e se mi sarà permesso, vorrei continuare la mia vita.

Ovviamente, non sono felice di essere nella mia posizione attuale, ma non posso incolpare tutto il paese per questo. Invece, do la colpa a certi individui specifici che hanno strumentalizzato la mia amicizia con Julian Assange e mi hanno fatto diventare una pedina politica senza avere traccia di alcuna irregolarità. Sì, sono arrabbiato con queste persone così come gli ecuadoriani dovrebbero esserlo. Uso -e abuso- delle leggi di questo paese in questa maniera non dovrebbero essere accettabili. Ma tutto questo viene fatto da alcuni individui, non l'intera popolazione.

Sicuramente, il sistema penale ecuadoriano deve essere riformato. La situazione di molti dei miei compagni di prigionia ne è la prova; la maggior parte vive in una situazione molto peggiore della mia.

L'Ecuador non è perfetto. Ci sono molte cose che potrebbero essere migliorate. Come il resto dell'America Latina, l'Ecuador ha diverse centinaia di anni di storia coloniale da affrontare, seguito da molti anni di dittature militari, rivolte e ripetuti interventi illegali da parte dei cosiddetti 'paesi sviluppati'.

Quindi no, l'Ecuador può migliorare su molte cose, ma, da una prospettiva storica, i popoli dell'America Latina hanno mostrato una forza tremenda nell'arrivare così lontano.

Quindi, tornando alla domanda iniziale: perché sono venuto qui?

Per molte ragioni che a volte sono difficili da trattare, ma alcune sono molto mondane. Mi piacciono molto le persone qui. Le persone sono calde, aperte, affettuose e si prendono cura della comunità. Questo mi ha attratto molto. E posso dirlo anche nella mia situazione attuale, questa prospettiva sulle persone rimane. Da come i miei compagni di prigionia si sono presi cura di me, come si è avvicinato il popolo della strada ai miei genitori per strada per esprimere il loro sostegno. La mia fede nel popolo ecuadoriano é ancora solida.

Mi piace che la politica sia qualcosa che conta per le persone qui. È nel sangue della gente. Questo è qualcosa che ho apprezzato fin dall'inizio. La gente in Ecuador parla di open source e comprende il valore politico della tecnologia.

Ci sono persone di talento qui. Quando abbiamo iniziato la mia organizzazione in Ecuador, abbiamo rapidamente trovato un team di persone con un sacco di potenziale, diligenza e motivazione. Onestamente, muoio dalla voglia di lavorare ancora con loro e continuare fare del bene per il mondo.

L'Ecuador non è un paradiso. È un luogo complesso, multiculturale, a volte strano con tanti tipi di persone con diversi punti di vista, con 500 anni di storia complessa. Non dimentichiamolo e non riduciamo il paese e la sua gente a una caricatura -buona o cattiva-.

Sono felice di essere qui in Ecuador e spero di avere un ampio futuro di fronte a me. Fuori di prigione, spero!

Ola Bini