Free Ola Bini!

Letter To The President

La noia e il contatto occasionale con la violenza sono probabilmente i peggiori aspetti della prigione. Noia, frustrazione, rabbia, depressione. Emergono tutte dallo stesso luogo. Tutti qui ne sentono le conseguenze e sospetto che molti avranno un danno psicologico duraturo da questa esperienza. Temo che lo avrò anch'io. Ad essere onesti, probabilmente non ero esattamente normale già in principio, ma questa esperienza non lo migliorerà affatto.

Quindi, cosa fanno le persone contro la noia? Ci sono molti meccanismi di difesa. Alcune persone dormono molto. Altri tagliano carta in piccoli quadrati, ne fanno triangoli e li mettono insieme in incredibili sculture fatte da centinaia o migliaia di pezzi di carta. Alcune persone, negli altri blocchi di celle, fanno uso di droghe. Ad ogni momento le persone parlano, fumano, giocano. Una cosa comune qui è strappare i fili da vestiti e asciugamani e poi intrecciarli in bracciali o cinturini. Ma onestamente, non vedo queste cose davvero di aiuto. La frustrazione è ancora lì.

Scrivo, ma sì, sono frustrato. Ancora di più adesso, dopo cinque settimane. Sto cercando di trovare nuovi modi per andare avanti. Oggi ho deciso di scrivere una lettera al presidente della Repubblica dell'Ecuador per vedere se esprimere la mia frustrazione possa essere di aiuto.

Caro Presidente Lenín Moreno:

Mi chiamo Ola Bini. Onestamente non sono sicuro che tu sappia chi io sia. Sei stato in TV nazionale qualche settimana fa ed hai detto alcune cose strane su di me, quindi forse sei stato disinformato.

Permetta di presentarmi: vengo dalla Svezia (non dalla Russia e non dalla Svizzera), vivo quì a Quito, in Ecuador da oltre 5 anni. Chiamo l'Ecuador casa mia. Mi piace essere quì. Ho quì il mio appartamento, i miei amici, la mia ragazza, il mio lavoro. E durante questi anni, ho forse contribuito solo modestamente, ma ho fatto la mia parte per l'Ecuador. Quest'anno ero in procinto di richiedere un nuovo visto di 2 anni e, successivamente, stavo per richiedere la residenza permanente. Sto solo dicendo questo per farti sapere che mi sono impegnato nel tuo paese.

5 settimane fa sono stato detenuto all'aeroporto di Quito. Questa detenzione è stata impropria, eseguita illegalmente ed ha vioato i miei diritti umani e costituzionali in vari modi, e questi problemi hanno continuato a persistere durante le cinque settimane che ho passato in prigione.

Ora, questo è il punto in cui inizio ad essere confuso. Perché mi hai fatto tutto questo? Mi odi così tanto? Per cosa? Sì, so di essere un amico del tuo ex richiedente asilo e che tu e il signor Assange avete avuto differenze tra di voi, ma è questo davvero sufficiente per trattarmi così?

Il pubblico ministero dice che sono sotto indagine per aver attaccato l'integrità di sistemi informatici. Ma non dice altro, tranne che i miei libri sono sospetti. Quali sistemi ho attaccato? Quando? Come? Per caso lo sai? Io no.

I tuoi giudici dicono che sono un pericolo per la società. Dicono anche che c'è una presunzione di innocenza e che la prigione non deve essere punitiva. Poi mi hanno mandato in prigione. Questo confonde anche me. Pensavo che l'idea della prigione fosse una punizione. Come posso essere presunto innocente e comunque essere inviato qui? Come posso essere presunto innocente ma considerato un pericolo per la società? Ti sarei grato se riuscissi a chiarirlo.

Sto anche pensando ad alcuni degli interventi televisivi di cui il mio avvocato mi ha parlato. Ad esempio, il vostro ministro dell'Interno ha dichiarato in una conferenza stampa che ero stato arrestato, e questo accadde oltre tre ore prima che un giudice avesse scritto il mio ordine di detenzione. È così che dovrebbe funzionare il sistema giudiziario?

Torniamo a ciò che hai detto di me. Che abbia attaccato sistemi informatici, server e telefoni cellulari. Se ne sei a conoscenza, devi avere delle prove, giusto? Perché non hai fornito quelle prove al tuo pubblico ministero? Perché non ha prove contro di me. Hai anche detto che stavo fuggendo dal paese e non avevo nemmeno le mie attrezzature per l'allenamento di arti marziali con me, tuttavia, nel mio zaino ci sono documenti che dimostrano che ho comprato il biglietto mesi fa. E i documenti dell'accusa mostrano anche che avevo il mio equipaggiamento con me. Quindi, perché sei andato in TV e hai raccontato a tutto il paese queste cose?

Un'altra cosa che ho detto nelle conferenze stampa è che io abbia collaborato con Ricardo Patiño e che abbia lavorato per destabilizzare il governo, il tuo governo. Ti assicuro, non ho mai incontrato Patiño e non ho alcun interesse a destabilizzare il tuo governo. Naturalmente, non sono d'accordo con tutte le tue politiche, non sono nemmeno d'accordo con tutte le tue scelte del tuo predecessore. Credo nella democrazia. Il popolo dell'Ecuador ha scelto te e io credo in Ecuador, il che significa che voglio che il governo dell'Ecuador sia forte.

Permettimi di essere chiaro. Non ho mai fatto nulla per attaccare o destabilizzare il tuo paese. Non è ciò che sono.

Signor Presidente, mi sento come se qui ci fosse qualcosa di personale. Se puoi, per favore risponda e chiarisca tutte le mie domande, e se non può, perché non fermare questa indagine ora? Mi sembra che l'opinione pubblica sia confusa anche sul perché tu mi stia facendo questo e loro diventano sempre più confusi più a lungo va avanti. A mio modesto parere, penso che dovresti fermarti, lasciami andare e poi potremmo dimeticarci di tutto questo imbarazzante incidente come se non sia mai accaduto.

Con cordiali saluti,

Ola Bini Cella numero 10, El Placer, CDP El Inca, Quito, Pichincha, Ecuador

PS. Signor Presidente, se vuoi rispondermi, per favore contattami all'indirizzo sopra indicato. Se scegli di rispondere tramite mezzi pubblici, sappi che non ho accesso alla TV in questo carcere, quindi, in quel caso, non otterrò la tua risposta.