Free Ola Bini!

Oggi

Stiamo diventando sempre di meno qui. Quando sono arrivato, eravamo circa 95 persone e circa 30 che venivano solo a dormire. 17 celle, quasi tutte pensate per una sola persona. Ora siamo 24 e circa 20 in più durante la notte. Persone continuano a essere rilasciate. Sono contento per loro e semplifica le cose nel blocco di celle. Ma mi stavo chiedendo se questo accadesse nel resto della prigione. La risposta è no.

Apparentemente c'è un ordine che nessuna nuova gente venga inviata al mio blocco di celle. Tutti invece andranno al blocco di celle "La Ronda". Quel posto ha più di 180 detenuti in questo momento. È pensato per un massimo di 80 o 100 prigionieri. Vorrei dirmi che è solo una casualità. Ma so che lo fanno per colpa mia. In parte per isolarmi. In parte per farmi sentire più a mio agio. Hanno paura di indagini sui diritti umani. Ma ovviamente, sono solo i miei i diritti di cui sono preoccupati.

Oggi sono passati 48 giorni da quando è iniziato questo incubo. Oggi è stato il peggiore. Peggio del mio appello in tribunale. Peggio del mio compleanno. Peggio del primo giorno di prigione. Oggi c'era l'udienza per la mia cauzione e, se mi fosse rimasta energia mentale, avrei riso della grottesca natura di tutto questo, ma purtroppo non me ne è rimasta nemmeno un goccio.

Ho avuto incubi e ho dormito orribilmente. Non così strano. Ero nervoso e ansioso. Legalmente la nostra udienza per la cauzione sarebbe dovuta essere una passeggiata nel parco, ma sapevamo di doverci aspettare il peggio. Quindi ero preparato, e tuttavia, ero comunque nervoso.

Ogni volta che esco dalla prigione, per un udienza o per ispezioni forensi, la procedura è sempre la stessa. Verso le 5:20 qualcuno urla il mio nome dall'esterno del blocco. Pochi minuti dopo arriva una guardia che mi porta all'ingresso. Vengo perquisito, ammanettato con un altro detenuto e poi tutti insieme - 10 o 20 di noi - messi su un autobus, sorvegliati da 6-10 soldati penitenziari d'élite. Ci portano in tribunale, dove ci mettono in una delle celle di detenzione. Quindi, aspettiamo lì dalle 6:15 del mattino fino al momento di andare all'udienza. È orribile, brutale e mentalmente molto estenuante. Presumo che lo scopo sia quello di assicurarsi che i prigionieri siano il più deboli possibile quando vedono il giudice.

Ho dormito male per molte ragioni. In parte, ero preoccupato di non svegliarmi in tempo. Provo a salire quando i parziali partono alle 5:00 del mattino. Se aspetto fino a quando chiamano il mio nome, di solito non ho tempo di vestirmi, andare in bagno e lavarmi i denti. Oggi mi sono alzato e mi sono preparato e poi ho aspettato e aspettato. Nessuno è venuto. Ho iniziato a preoccuparmi che avessero spostato di nuovo l'udienza. Per il resto della mattinata non ho sentito nulla. Alcuni miei compagni di prigione hanno chiesto alle guardie, ma nessuno sapeva nulla. Ho continuato ad aspettare mentre un doloroso nodo si formava nel mio stomaco.

Finalmente alle 13:30 qualcuno mi è venuto a prendere. Pensavo che mi avrebbero portato direttamente in tribunale. Invece, una stanza in ufficio con una scadente apparecchiatura per videoconferenza. La persona che mi ha portato lì ha detto che il Presidente aveva ordinato che non potevo andare in tribunale per motivi di sicurezza.

Questa mossa mi ha impedito di vedere la gente parlare. Non ho ancora idea di come appaia il mio giudice. Non ho potuto parlare con il mio avvocato che dovrebbe essere un mio diritto e non ho potuto salutare i miei amici che erano lì a sostenermi. Chiaramente, tenermi lontano dai miei sostenitori e dalla stampa era la vera ragione di questo sporco trucco.

Come l'ultima volta, i miei avvocati hanno fatto un ottimo lavoro. Come l'ultima volta, il pubblico ministero non aveva nulla di rilevante. In effetti, aveva anche meno di prima. E come l'ultima volta, il giudice ha deciso contro di noi, in palese disprezzo per la legge, qualsiasi precedente e la procedura corretta.

Due punti interessanti. Sia il procuratore che il giudice hanno indicato che questa è colpa mia per non aver aperto i miei dispositivi crittografati. Brutto ricatto. E l'altro punto è la ragione "legale" fornita dal giudice.

L'accusa non ha ancora specificato il crimine che ho commesso. Hanno solo detto che tipo di crimine stanno indagando. Il giudice ha detto che non posso ottenere la cauzione perché non è in grado di calcolarne il giusto importo e la ragione di ciò è che non sa quante vittime ci siano.

Ho lottato contro la depressione in alcune momenti della mia vita e sta ripetendosi qui. Più forte e peggio che mai. Non c'è niente che valga la pena fare. Niente ha senso. Mi sento sempre di più come se non uscirò mai da qui.

È come se ci fossero due me. Quello normale e una sua ombra. E mi sussurra continuamente pensieri oscuri nell'orecchio. Ogni giorno è una lotta. L'ombra sta diventando sempre più forte.

Mi seto male proprio ora. Ho una brutta emicrania. La schiena e il collo sono doloranti. Non sarà possibile stendermi comodamente per dormire. Ho la nausea e mi fanno male le mani. So che tutto ciò è nella mia testa. Ma tuttavia appare come reale.

Non sono sicuro su come procedere dopo la giornata di oggi. Mi sento sopraffatto e mi sento affogare.

Di solito cerco di avere una sorta di tema utile in queste lettere. Oggi non ho potuto farlo. Spero vada bene. Volevo solo condividere questa giornata davvero grottesca e i miei sentimenti.

/O