Free Ola Bini!
Dichiarazione di Ola Bini sulla detenzione arbitraria nella prigione di El Inca, Ecuador

Dichiarazione di Ola Bini sulla detenzione arbitraria nella prigione di El Inca, Ecuador

  1. In primo luogo, voglio ringraziare tutti i miei sostenitori là fuori. Mi è stato detto dell'attenzione che questo caso sta ricevendo da tutto il mondo e lo apprezzo più di quanto possa esprimere. Ai miei amici, familiari e vicini: tutto il mio amore - siete costantemente nei miei pensieri.

  2. Credo fermamente nel diritto alla privacy. Senza privacy perdiamo la libertà di agire, e senza l'azione siamo schiavi. Ecco perché ho dedicato la mia vita a questa lotta. La vigilanza è una minaccia per tutti noi, dobbiamo fermarla.

  3. I leader del mondo stanno conducendo una guerra contro la conoscenza. Il caso contro di me si basa sui libri che ho letto e sulla tecnologia che ho. Questo è un ThoughtCrime Orwelliano. Non possiamo permettere che questo accada. Il mondo si chiuderà sempre più vicino attorno a noi, finché non ci sarà rimasto nulla. Se l'Ecuador può fare questo, anche gli altri possono farlo. Dobbiamo fermare questa idea ora, prima che sia troppo tardi.

  4. Sono certo che sarà ovvio che non c'è alcun fondamento in questo caso e che collasserà nel nulla.

  5. Non posso evitare di dire una parola sul sistema penale ecuadoriano. Sono detenuto nelle migliori condizioni ed è ancora spregevole. Deve essere fatta una seria riforma. I miei pensieri vanno a tutti i compagni detenuti in Ecuador.

Ola Bini